Atalanta e Lazio accedono in semifinale. Milan e Roma eliminate

Copia di Locandina saggezza del pallone 44

L’Atalanta di Giampiero Gasperini, espulso dall’arbitro Di Bello, supera il Milan per due reti a uno e accede alla semifinale contro la Fiorentina. Le due squadre partono subito a ritmi elevati, con i due allenatori che schierano i loro uomini migliori, tranne poche eccezioni come Giroud e Scamacca tenuti inizialmente in panchina. Milan vicino al vantaggio con Reijnders, ma Carnesecchi si supera sull`olandese. Prima dell`intervallo arrivano due gol. Al 45` vantaggio rossonero con Theo Hernandez che serve l`accorrente Leao, bravo a depositare sul secondo palo di prima l`assist del compagno. Passano due minuti e Koopmeiners, con una girata di prima di destro, manda tutti al riposo sull`1 – 1. 

Al 57` l`arbitro assegna un calcio di rigore per un intervento di Jimenez su Miranchuk. Sul dischetto si presenta Koopmeiners, freddo nel piazzare la palla dalla parte opposta al tuffo di Maignan. Pioli lancia nella mischia il nuovo arrivo Terracciano e poi Giroud, ma è sempre Leao, con le sue accelerazioni, a portare i maggiori grattacapi alla difesa bergamasca. Carnesecchi però non corre seri pericoli, e l`Atalanta, con la prima vittoria nella sua storia al Meazza in Coppa Italia Frecciarossa contro il Milan torna a disputare, a distanza di 3 anni, la Semifinale nella competizione.

Copia di Locandina saggezza del pallone 45

La Lazio batte la Roma per una rete a zero e guadagna la semifinale dove affronterà la vincente di Juventus – Frosinone, in campo domani sera. Gara molto combattuta fin dalle prime battute, con finale incandescente durante il quale sono stati espulsi in sequenza Pedro, Azmoun e Mancini, tutti nei lunghissimi minuti di recupero. Nella prima frazione poche occasioni da gol, ci provano Paredes, Castellanos su errore di Kristensen e Lazzari. La ripresa si apre con la formazione di Sarri vicina al gol con un colpo di testa di Vecino, sul quale si supera Rui Patricio. Passa un minuto e un contatto tra Hujsen e Castellanos, dopo verifica al Var, porta Orsato all`assegnazione di un penalty a favore dei padroni di casa. Sul dischetto si presenta Zaccagni, che spiazza il portiere e segna il gol che deciderà l`incontro. Poco dopo ancora Lazio vicina al raddoppio con un tiro di Vecino dal limite che sfiora il palo. 

Nel finale la Roma potrebbe pareggiare con una doppia occasione di Belotti e Pellegrini, ma Mandas, non perfetto nell`intervento sul centravanti, riesce poi con un colpo di reni ad anticipare il centrocampista. In pieno recupero altra possibilità di pareggio con la rovesciata di Lukaku che termina alta sulla traversa. Nel recupero si alza il livello delle proteste e degli scontri, ne fanno le spese, rimediando il rosso, Pedro, Azmoun e Mancini. 

/ 5
Grazie per aver votato!

error: Content is protected !!