Spread the love

La Juventus ha pareggiato al Bentegoti e si allontana sempre di più dallo scudetto, sempre più in mano ad Antonio Conte.
Contro il Verona non ha giocato male, lo schieramento con i tre centrali e un uomo in più a centrocampo ha dato solidità e compattezza alla squadra. Purtroppo il problema principale è la scarsa mentalità vincente presente in questa squadra.
Troppi errori, specie in quei giocatori come Betancour che malgrado l’errore commesso a Oporto, non hanno insegnato nulla. Continua a giocare con molta superficialità, svogliato, pensa sempre che le partite siano amichevoli, non capisce che nel girone di ritorno, bisogna giocare con molta attenzione e i punti persi non li guadagni più.

Nei sedici metri della squadra avversaria la squadra continua ad essere poco concreta, impacciata con giocatori che non tirano in porta o quando lo fanno, vedi il tiro di Rabiot, calcia fuori da una posizione centrale, quasi un rigore calciato fuori.
In difesa si continua a vedere giocatori che non capiscono quando il pallone va a giocato con passaggi brevi e quando va calciato lontano per dare la possibilità la squadra di salire.
Non capisco, quando Pirlo parla di non aver avuto calciatori a disposizione per cambiare modulo. Non sono d’accordo, visto che si poteva cambiare modulo ma assetto tattico, specie dopo essere passato in vantaggio. Avrei fatto questi cambi, Dragusin al posto di Ramsey e Mckiney al posto di Rabiot. Schierandomi con tre centrali di ruolo con Dragusin, Demiral e De Light, quattro centrocampisti, portando Bernardeschi a destra, Betancour e Mckiney centralmente come mediani a difesa dei centrali e Alex Sandro a sinistra. Avrei accentrato Chiesa in modo da schierarlo insieme con Kulusesky sulla trequarti, sfruttando la loro velocità e tecnica a sostegno del centrocampo e di Ronaldo in attacco. In questo modo avrei tenuto i tre centrali avversari impegnati in modo da non farsi schiacciare e cercare di segnare il due a zero.
Questo naturalmente fa parte di professionisti come chi analizza la partita dall’alto, che dovrebbe dare i giusti suggerimenti all’allenatore, Andrea Pirlo, ancora troppo calciatore e poco allenatore.
La cosa più imbarazzante e vedere che gli errori commessi da questa squadra, malgrado i vari cambi tecnici, non siano mai stati risolti, non si è mai riusciti a dare una mentalità e attenzione da grande squadra. Cose fondamentali per crescere in Europa, che rischia ancora di vedere la Juventus spettatrice e no protagonista. Non ci si può giustificare tutti allo stesso modo dicendo errori di gioventù, visto che giocatori come lo stesso Betancour, per fare un esempio, sono anni che giocano nella Juventus e di gare ne ha giocate, e da lui e da quelli come lui, ci si aspetta più attenzione e personalità.
Le partite vanno giocate e non si può pensare di vincere, solo perché sei alla Juventus, anzi a maggior ragione devi dare sempre il massimo se non vuoi fare continue figuracce,  oggi a maggior ragione devi impegnarsi ancora di più.
Ultima cosa ma non meno importante, da tempo lo dico, che Chiesa, dovrebbe giocare più vicino agli attaccanti, sfruttando velocità e tecnica, evitando, che i stessi attaccanti giochino con le spalle alla porta. In questo modo difficilmente si fa goal e vincono le partite.

Comments are closed

La Tattica Live Podcast
Chicaloca Abbigliamento
Stay Star Music Blog and More
Privacy Policy