Riassuntone di Calciomercato. Inter-Palmieri: ci siamo, la Juve lascia i vecchi per i nuovi

Spread the love

Finalmente ci siamo. Da Londra filtra ottimismo da tutti i pori. Il Chelsea sembra finalmente essere soddisfatto della cifra proposta dai nerazzurri. Ricordiamo che si tratta di 20 milioni fissi + 5 di bonus, manca solamente da definizione della formula d’acquisto, che potrà essere una cessione definitiva o un prestito con obbligo di riscatto, poi Emerson Palmieri potrà ritornare in Italia, destinazione molto gradita dal giocatore che ha già fatto sapere di accettare il trasferimento.
Ma non finisce qui per l’Inter. Infatti Marotta sta lavorando in entrata. I nomi che piacciono sono Edin Dzeko per l’attacco e Mario Mandzukic, con il bosniaco favorito sul croato ex Juve. Sentiti anche i vari rumors sul cambio d’allenatore alla Roma, con un clamoroso ritorno di Luciano Spalletti, l’Inter sta spingendo per scambiare la punta giallorossa con un grande ex: Radja Nainggolan. Mentre per Mandzukic l’interesse è solamente secondario, tutto sarà legato comunque all’affare Dzeko, qualora non andasse in porto si punterebbe dritti verso il croato. La ricerca del nuovo attaccante è legata alla situazione Lautaro Martinez. Il giocatore vuole lasciare Milano con un biglietto di sola andata, destinazione Barcellona. Intanto la società molto delusa dal comportamento del ragazzo continua a trattare con gli spagnoli ma accomoda la punta argentina in tribuna per il prossimo turno. Invece la vera rivoluzione interista sarà a centrocampo. Conte ha fatto la lista dei bocciati. I giocatori che il tecnico vuole eliminare sono: Borja Valero, Gagliardini e/o Vecino oltre al belga sopracitato. Riallacciandoci a Nainggolan in queste ore è uscito un possibile scambio con il Napoli che vorrebbe liberarsi di Allan per scelta tecnica di Gattuso. Staremo a vedere l’evolvere della situazione.

Il Napoli oltre alla cessione di Allan sta lavorando ad altre due cessioni eccellenti, mentre sta concretizzando l’acquisto di Osimhen per una cifra intorno ai 50 milioni di euro dal Lille. Ma per un azzurro che entra ce ne è uno che esce nello stesso ruolo. Ma prima di arrivare a Milik, affrontiamo la cessione di Koulibaly. Il Manchester United sta sondando il terreno ma nelle prossime settimane sembra veramente voler puntare forte sul difensore partenopeo. Chi invece vuole bruciare le tappe per accaparrarsi Milik è proprio la Juventus. I torinesi forti dell’accordo con il giocatore vorrebbero bruciare la concorrenza e portare il polacco a Torino al posto di Higuain, ormai prossimo partente. La contropartita per uno scambio alla pari è stata individuata in Federico Bernardeschi, profilo che piace molto a Gattuso anche se si sta valutando l’inserimento di Pellegrini e/o Rugani al posto dell’ala bianconera. La cifra da raggiungere per lo scambio è stata individuata intorno i 40 milioni di euro. Infatti è su questa base che De Laurentiis ha praticamente definito l’accordo con il Tottenham per lo scambio Milik-Lucas Moura. L’unico intoppo alla trattativa al momento è la volontà del giocatore, che ha rifiutato gli spurs. La Juventus ha comunque l’alternativa già pronta in tavola, si tratta di Alexandre Lacazette. L’attaccante francese in forza all’Arsenal è stato sondato dai bianconeri, anche se ripetiamo che la prima scelta bianconera è Arek Milik. La Juventus non si ferma all’attacco e pensa anche agli altri reparti. Il centrocampo sarà sicuramente la zona più ritoccata nella prossima stagione. Ed ecco allora che la dirigenza non si fa cogliere in contropiede. Dopo l’arrivo di Arthur dal Barcellona, il prossimo che vestirà la maglia bianconera sarà con moltissima probabilità Jorginho, sempre più ai margini della rosa blues e messo addirittura fuori squadra da mister Lampard, il mediano italiano si è reso molto disponibile all’idea di poter riabbracciare il suo Sarri, voluto già nella costruzione del primo Napoli.
Il grande sogno al momento sembra essere Adama Traorè, l’ex Barça ora in forza ai Wolves è sulla lista della spesa di Paratici. L’unico intoppo? La richiesta della società inglese: 90 milioni di euro.
Rimane calda anche altre ipotesi per la Juve, ma in questo caso si vedono altre squadre favorite all’acquisto dei possibili obiettivi bianconeri. Infatti per Tonali e Van De Beek è in vantaggio l’Inter che procederà nelle prossime ore a formulare un’offerta almeno per uno dei due centrocampisti. Per Kumbulla la Lazio la fa’ da padrona, presentando un offerta di 26 milioni al Verona, una cifra che si avvicina molto ai 30 richiesti dall’Hellas.
Quindi possiamo dire che la Lazio è molto vicina sia all’arrivo di Kumbulla sia alla cessione di Milinkovic Savic. Questa volta si fa sul serio, visto che è partita l’asta tra gli unici club interessati all’acquisto: il Paris Saint Germain ed il Chelsea.
L’altra parte di Roma è alle prese con delle decisioni drastiche da prendere nell’immediato. La prima è quella riguardante Fonseca, la società non sa se riconfermarlo sulla panchina della prossima stagione e nel dubbio viene richiamato Luciano Spalletti. La gestione Fonseca sembra aver fatto un danno irreparabile che si chiama Justin Kluivert. L’esclusione per scelta tecnica dalla lista dei convocati dal match contro il Parma sembra una bocciatura bella e buona. L’altro problema che sta tenendo banco in casa Roma è la volontà di Dzeko. Vuole competere per posizioni che non siano l’Europa League e le sirene nerazzurre lo lusingano molto, staremo a vedere se cederà al corteggiamento.
Passiamo al Milan che annuncia senza volerlo il nuovo allenatore, dt, dg e chi più ne ha più ne metta. Rangnick è la figura scelta per la prossima stagione. Situazione che sa di paradossale in casa Milan visto le ultime incoraggianti prestazioni di Pioli, pensare che a fine stagione sarà esonerato pur battendo le prime due in classifica è qualcosa che è successo a pochi. Insieme a lui lascerà anche Paolo Maldini. Inutili le proposte fatte al tecnico e al direttore tecnico di poter essere riorganizzati in altra posizione dentro l’organico rossonero, la scelta è stata fatta ora Gazidis pagherà le conseguenze, che si fanno già sentire a Milanello. Ibrahimovic nel post partita contro la Juve annuncia la sua cessione a fine stagione, ormai inevitabile dopo la scelta del tecnico tedesco. La scelta dei giocatori effettuata dal tecnico è chiara, giocatori ultra trentenni non troveranno minuti e spazio nel nuovo Milan. Ecco che oltre Ibra le cessioni di Bonaventura e Biglia diventano inevitabili. Per quanto riguarda le entrate si sta ragionando ad uno scambio con i cugini che non convince molto la sponda rossonera, ovvero Kessiè per uno a scelta tra Gagliardini e Vecino. Inoltre il Milan prova ad inserirsi nella disperata corsa a Sandro Tonali, anche se molto in ritardo rispetto alle due pretendenti Inter e Juve. Intanto l’effetto Rangnick si fa sentire e per l’attacco al posto di Zlatan si punta tutto su Vlahovic dalla Fiorentina. Occhio all’occasione Sarr dal Nizza che non rinnova e potrebbe prendere il posto di un Kjear riscattato ma che non convince a pieno al fianco di Romagnoli. Intanto il Milan si muove proprio per acquistare i pupilli del nuovo tecnico, presentate due offerte, una al Lipsia per Schick e una al Werder Brema per Rashica. Monitoreremo la situazione nei prossimi giorni per vedere l’evoluzione della trattativa mentre sembra godersi ormai il prossimo acquisto Dominik Szoboszlai che ricambia l’interesse del Milan mettendo un like su Instagram al post dei meneghini riguardante la vittoria contro la Lazio.
Staremo a vedere tutti i prossimi aggiornamenti… 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.