Spread the love

Moise Kean e Matias Soulè scalpitano e cercano di mettersi in luce nell’amichevole giocata ieri contro il Chieri, squadra che milita nella Serie D piemontese. Durante questa partita entrambi i giocatori hanno realizzato una doppietta. Per la cronaca le altre reti sono state segnate da Kulusevsky, Compagnon e Akè, risultato finale 7 a zero.

Matias Soulè giovane promessa della Juventus certamente non potrà, almeno per adesso un posto da titolare in prima squadra, deve ancora crescere e fare esperienza, una cosa è certa lui se continua così potrebbe diventare il vero erede di Paulo Dybala, Argentino come il suo idolo la Joya, è un mancino di talento tecnico e rapido. Massimiliano Allegri lo ha convocato quest’anno nella trasferta di Napoli, dove Dybala insieme agli altri sudamericani, non arrivò per tempo, visto gli impegni con la sua nazionale. Domenica sicuramente non farà parte delle convocazioni, ma non escludo che in futuro, non entri a far parte della rosa della prima squadra, visto che il ragazzo e la Juventus, si sono legati fino al 2026, quando avrà fatto di strada e potrebbe confermarsi ad alti livelli e perché no essere il vero erede di Dybala.

Moise Kean invece punta a esserci domenica sera nella sfida che vedrà difronte Juventus e Roma all’Allianz Stadium, e spera anche di ripetersi nella sfida di campionato realizzando una doppietta, che permetta ai bianconeri di battere la Roma e portare a casa quei tre punti fondamentali per la classifica. Un successo permetterebbe alla squadra di Massimiliano Allegri, di portarsi ad un punto dalla squadra allenata da Josè Mourinho.

Visto le assenze quasi certe di Morata e Dybala, Kean con molta probabilità verrà schierato al fianco di Federico Chiesa in attacco, in modo da sfruttare la loro tecnica e velocità, bisognerà capire chi saranno gli altri componenti della formazione che scenderanno in campo.

Come detto nel video di ieri e lo confermo anche oggi la Juventus ha un ciclo di gare importanti sia in campionato che in Champions e deve cercare di ottenere il massimo, in modo da potersi avvicinare alla vetta della classifica, ritornando protagonista in campionato, che ottenere la qualificazione con due turni di anticipo in Champions League.

La probabile assenza dei sudamericani, impegnati con le loro rispettive nazionali, non rende il lavoro facile a Massimiliano Allegri e al suo staff, nella scelta dei giocatori da schierare contro la Roma e contro lo Zenit, oltre agli infortunati c’è Rabbiot fuori per il Covid-19 e altri come Ramsey, su cui è difficile fare affidamento.

Nella giornata di oggi lavorando con i nazionali rientrati dopo la Nation League e qualche giovanotto di buone speranze, si spera che Allegri abbia le idee più chiare e meno dubbi su chi schierare domenica.

Comments are closed

La Tattica Live Podcast
Chicaloca Abbigliamento
Stay Star Music Blog and More
Privacy Policy
Archivi